Le previsioni sul Covid dell’istituto fondato da Bill Gates (che i media fanno finta di non vedere)

Sembrava un incubo destinato a finire con l’avvento “salvifico” dei vaccini, sebbene con danni economici, sociali e psichici irreversibili. E invece no, ci siamo ripiombati in pieno. Italia tinta di arancione e rosso, stretta ulteriore per le festività, dove si riproporrà quanto vissuto nella Pasqua precedente e durante il Natale. Ormai, come in ogni culto che si rispetti, anche la religione del terrorismo sanitario impone i suoi sacrifici: i giorni di festa, più degli altri, vanno immolati al virus di turno, offrendo la propria rinuncia alla socialità, alla convivialità e alle riunioni familiari.
Ma quanto durerà questo supplizio, posto che la maggioranza della popolazione, ipnotizzata e accondiscendente, ne legittima il proseguimento con la propria complice obbedienza?

Leggi tutto

Covid-19: analisi dei fatti

Nonostante sia quasi un anno che l’argomento Covid-19 è onnipresente su qualsiasi TG, radio, quotidiano e sito web, un’analisi dei dati, delle statistiche e dei fatti – basata esclusivamente su fonti ufficiali – non è mai stata offerta all’attenzione del pubblico. Questa relazione cerca di colmare tale lacuna.

I mass media si sono totalmente uniformati per divulgare un’unica versione dei fatti, che risulta sempre meno credibile e soprattutto colma di anomalie e imperfezioni. La narrazione è spesso sfociata in puro terrorismo psicologico e i casi di fake news, notizie distorte e strumentalizzate, sono innumerevoli. Svariate denunce e smentite, le trovate proprio su questo sito.

Leggi tutto

Coronavirus e spostamenti, festività 2020: cosa fare?

È noto a tutti il recentissimo decreto-legge n. 172 del 18 dicembre 2020 (c.d. Decreto Natale), il quale prevede (si cita testualmente)

“Ulteriori disposizioni urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del virus COVID-19”.

Detto provvedimento richiama a sua volta i precedenti Decreti Legge e DPCM, in particolare il decreto-legge 2 dicembre 2020, n. 158 (Disposizioni urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del virus COVID-19) e il DPCM del 3.12.2020.

In estrema, e pratica, sintesi, il decreto-legge da ultimo emanato prevede che:

  • nei giorni prefestivi e festivi compresi tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021 l’intero territorio nazionale diventi una estesa c.d. “zona rossa”;
  • nei giorni 28, 29, 30 dicembre 2020 e 4 gennaio 2021 l’Italia diverrà invece una estesa c.d. “zona arancione”.

Per meglio specificare riguardo alla possibilità, o meno, di circolazione, sarà vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori regionali, nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute ovvero, ancora, per fare rientro al proprio domicilio, residenza o abitazione (sempre consentiti) e tenendo conto delle seguenti eccezioni alla regola:

  • durante i giorni compresi tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021 è altresì consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata, ubicata nella medesima regione, una sola volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 05,00 e le ore 22,00, e nei limiti di due persone, ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la potestà genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi;
  • nei giorni 28, 29, 30 dicembre 2020 e 4 gennaio 2021 sono altresì consentiti gli spostamenti dai comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 km dai relativi confini, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.

La valutazione circa la sussistenza di motivi giustificativi degli spostamenti, e in particolare quelli per le situazioni di necessità, rispetto alle variegate situazioni che possono verificarsi in ciascuna vicenda concreta, resta rimessa all’Autorità competente indicata dall’articolo 4, comma 3, del decreto-legge n. 19 del 2020 (che, per le violazioni delle prescrizioni dei DPCM, è di norma il Prefetto del luogo dove la violazione è stata accertata). Il cittadino che non condivida il verbale di accertamento di violazione redatto dall’agente operante può, pertanto, fare pervenire scritti e documenti difensivi al Prefetto, secondo quanto previsto dagli artt. 18 e seguenti della legge 24 novembre 1981, n. 689[1].

Ed ora, di seguito, qualche consiglio pratico e di buon senso nel caso in cui si venisse fermati dalle forze dell’ordine nei prossimi giorni:

  1. Non fatevi prendere dal panico, non c’è da aver timore di alcunché, tantomeno degli agenti operanti, che vi chiederanno semplicemente di esibire i documenti e il motivo del vostro spostamento.
  2. Non è necessario avere il modulo della c.d. “autocertificazione”, compilato o meno, con voi: nonostante la stragrande maggioranza dei mass media lo dica, nessun decreto-legge o DPCM prevede tale obbligo, per il semplice motivo che i casi in cui la legge (nello specifico il DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 28 dicembre 2000, n. 445 agli articoli 46 e 47) prevede che possiate comprovare con dichiarazioni scritte qualcosa che normalmente viene certificato, sono tassativi e riguardano “stati, qualità personali e fatti”, in cui non sono comprese le esigenze lavorative, le situazioni di necessità ovvero i motivi di salute che dovrete dichiarare alle forze dell’ordine.
  3. Siate in ogni caso COLLABORATIVI con gli agenti accertatori e spiegate in modo chiaro e conciso il motivo del vostro spostamento.
  4. Alcuni esempi di motivazioni in caso di spostamenti dal proprio domicilio:

– “sono un/una libera professionista e mi sto spostando per motivi di lavoro” – solo se vi chiederanno di meglio specificare il “motivo di lavoro” potrete approfondire spiegando quale attività state andando a svolgere, come, ad esempio, il recupero dei documenti in ufficio se siete avvocati o commercialisti o la visita domiciliare richiesta da una persona parente/amica se siete degli operatori sanitari, e così via;

– quanto alle ragioni di necessità, è giustificato spostarsi per fare la spesa, per acquistare giornali, per andare in farmacia, o comunque per acquistare beni necessari per la vita quotidiana; inoltre, è giustificata ogni uscita dal domicilio per l’attività sportiva o motoria all’aperto;

– ancora più semplice sarà giustificare lo spostamento con un “motivo di salute” se, ad esempio, dovete recarvi presso un ambulatorio medico o una struttura sanitaria, ovvero ricorrere alle cure di un operatore sanitario quali un osteopata o un fisioterapista.

  1. Nessun agente accertatore avrà motivo per contestarvi una violazione se sarete collaborativi e renderete loro tutte le informazioni che vi richiedono; siate fermi e decisi in quello che dite e non avrete problemi di sorta, consapevoli, peraltro, che non state violando la legge se vi spostate per un motivo legittimo.

***

Per tutto il resto, e i – leciti – dubbi del caso, non esitate a richiedere ulteriori informazioni.

 

[1] 18. Ordinanza-ingiunzione

Entro il termine di trenta giorni dalla data della contestazione o notificazione della violazione, gli interessati possono far pervenire all’autorità competente a ricevere il rapporto a norma dell’art. 1717. Obbligo del rapporto Qualora non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta, il funzionario o l’agente che ha accertato la violazione, salvo che ricorra l’ipotesi prevista nell’art. 24, deve presentare rapporto, con la prova delle eseguite contestazioni o notificazioni, all’ufficio periferico cui sono demandati attribuzioni e compiti del Ministero nella cui competenza rientra la materia alla quale si riferisce la violazione o, in mancanza, al Prefetto) scritti difensivi e documenti e possono chiedere di essere sentiti dalla medesima autorità.

L’autorità competente, sentiti gli interessati, ove questi ne abbiano fatto richiesta, ed esaminati i documenti inviati e gli argomenti esposti negli scritti difensivi, se ritiene fondato l’accertamento, determina, con ordinanza motivata, la somma dovuta per la violazione e ne ingiunge il pagamento, insieme con le spese, all’autore della violazione ed alle persone che vi sono obbligate solidalmente, altrimenti emette ordinanza motivata di archiviazione degli atti comunicandola integralmente all’organo che ha redatto il rapporto. […]

 

LEGGI ANCHE: Dpcm illegittimi? Lo sostiene una sentenza della VI sezione del Tribunale di Roma

Rianimazione negata agli anziani in Svizzera? Esposto per gli articoli fake de La Stampa e dell’Ansa

Attraverso i nostri legali di fiducia, abbiamo inviato un esposto all’Ordine dei Giornalisti del Lazio e del Piemonte per denunciare l’allarmismo mediatico e l’infondatezza di un articolo pubblicato in data  24  ottobre  sul  sito  web  de  «La  Stampa», poi ripreso  in  data  25  ottobre  su  quello dell’Agenzia ANSA. I due articoli sono diventati virali, causando lo sdegno e la preoccupazione dei cittadini.

Entrambi  i  siti  hanno affermato che la Confederazione  Svizzera  avrebbe  operato  la  scelta  di  escludere  dall’accesso  alle  terapie intensive tutte le persone anziane che fossero risultate positive al Covid-19.

«La  Stampa»  ha titolato: “La Svizzera sceglie: rianimazione negata agli anziani malati di coronavirus”. L’ANSA, a propria volta ha titolato: “Svizzera, fuori gli anziani dalle terapie intensive se mancano i posti”.

La lettura degli articoli però, smentisce, seppure parzialmente, la lapidaria e allarmistica titolazione, dimostrandone la falsità.

Leggi tutto

Denuncia al Gazzettino di Belluno per procurato allarme

Il 14 ottobre scorso «Il Gazzettino» di Belluno pubblicava un articolo (disponibile anche sul sito della testata giornalistica www.ilgazzettinodibelluno.it), dal titolo allarmistico: “Coronavirus: Belluno la provincia più pericolosa d’Italia”.

Leggi tutto